loader image

Solo piatti piani

Martin Widenka
Condividi questo articolo

Io personalmente mangio tutti i giorni nel piatto piano. Mi sembra più seduttivo, ti permette di giocare di più con l’estetica e anche se fai una semplice porzione di gnocchi (giovedì gnocchi, un grande classico) su un piatto piano si presenta meglio.

Non serve comprare i Richard Ginori – che per carità se me li mandano sarei più che felice perché comunque Richard Ginori mi fa sballare – basta un po’ di buon gusto. Anche all’IKEA se ne possono trovare per pochi euro, per esempio il Gladelig è un’ottima scelta.

Io uso solo piatti piani. Solo piatti piani. Per tutto.

Anche per mangiare un pezzo di focaccia, o una piadina, che di certo non mangio in piedi.

Gli spaghetti? Li mangio nel piatto piano.

Sono arrivata alla conclusione di mangiare esclusivamente su questo tipo di piatti perché sono sempre a dieta e quindi mangio principalmente secondi. Inoltre il piatto piano ti aiuta a mangiare meno perché l’impiattamento prevede una porzione equilibrata e il cibo si raffredda prima, d’altronde siamo a Milano e siamo un po’ veloci.

Forse, l’abitudine di mangiare spesso i secondi mi ha portata a mangiare su piatti piani anche i primi. Anche quando mangio la pasta utilizzo un piatto piano e secondo me è decisamente più interessante. Se mi invitano a cena e utilizzano i piatti fondi mi accorgo subito che non mi piace. Dunque  se si fa una cena tra amici – e si prepara una pasta – siccome noi siamo un po’ più attenti, la serviamo sul piatto piano.

L’altro giorno ho preparato per alcuni amici uno spezzatino. E dove lo metti lo spezzatino? Ovviamente l’ho servito su un piatto piano. Anche se tutte le immagini che trovo su Instagram o sul web presentano lo spezzatino su un piatto fondo. Non capisco! I don’t care della salsa, la mia salsa è bella ridotta e cremosissima.

L’unica eccezione quindi è per i brodi, consommé o per un bel tortellino in brodo, che fa sempre bene. In questi casi non utilizzo i piatti fondi ma le ciotole giapponesi, semplicemente perché rendono tutto più amabile.

Insomma quando si mangia l’occhio deve godere.

Dettagli Croccanti è la nuova rubrica di Sonia Di Cillo per Me Gusta Magazine in cui offre ai lettori il suo personale punto di vista sulla cucina e la buona tavola. Leggi qui i suoi articoli settimanali


Condividi questo articolo