Apollo 11: cosa mangiavano gli astronauti nello spazio?

21367349374_4c754188df_o.jpg

Il volo dell'Apollo 11 è spesso ricordato come “...un grande passo per l'umanità”, un momento in cui il mondo si è riunito per vedere Buzz Aldrin e Neil Armstrong saltellare sulla superficie lunare. Ma il fascino e l’eccitazione dell'atterraggio sulla Luna ha messo in ombra gli aspetti più umili della missione di volo di 195 ore, 8 giorni pieni di periodi di riposo imposti dalla NASA, esperimenti scientifici e, naturalmente, di cibo.

Il cibo a bordo dell’Apollo 11 rappresentava l’apice della tecnologia della fine degli anni ‘60, così come il modulo di atterraggio lunare o le tute spaziali indossate per le passeggiate lunari. Tubi di salsa di mele e stufato venivano abbandonati per pasti che potevano essere riscaldati dagli astronauti e consumati con vere e proprie posate d’argento.

L’equipaggio dell’Apollo ha persino cenato con hot dog con cheddar termo-stabilizzato durante la missione sulla Luna, portando almeno un po’ di America con sé. E sì, c’era anche la pancetta - prefigurando l'attuale mania della pancetta, il primo pasto mangiato dall’uomo sulla luna non era altro che cubi di pancetta, rivestiti di gelatina per evitare le briciole. Il cibo dell’Apollo 11 doveva soddisfare alcune importanti esigenze di cui non dobbiamo mai preoccuparci qui sulla Terra (come le briciole). Il peso corporeo prima del volo doveva essere mantenuto, cosa che si era rivelata misteriosamente difficile nelle missioni precedenti.

Naturalmente, questi pasti miracolosi dovevano essere leggeri, compatti e commestibili a gravità zero. Quest’ultimo punto era essenziale: i panini per hamburger sono ancora vietati sui voli spaziali a causa delle briciole che potrebbero derivarne (per questo motivo le tortillas sono così popolari a bordo della Stazione Spaziale Internazionale). Fino a poco tempo fa, tutte le bevande dovevano essere aspirate dalle cannucce. Anche la più piccola goccia di succo di pomodoro doveva essere catturata, nel caso in cui interferisse in qualche modo con il veicolo.

La nausea in volo e altre “risposte fisiologiche indesiderate” durante le precedenti missioni Apollo erano state attribuite al cibo. Per combattere alcune di queste difficoltà, gli scienziati della NASA hanno utilizzato la tecnologia alimentare “wet pack” sviluppata sull’Apollo 8. Una confezione umida ha permesso al cibo termo-stabilizzato di trattenere il suo contenuto di umidità, risparmiando così agli astronauti tempo prezioso per la preparazione del cibo ma che ha anche permesso loro di vedere e annusare ciò che mangiavano, rendendo la carne bovina e le patate decisamente più appetitose.

Un importante miglioramento nella tecnologia alimentare della missione Apollo 11 è stato lo spoon-bowl packet (letteralmente, pacchetto cucchiaio-ciotola), che permette di reidratare il cibo e riscaldarlo in una busta, che viene poi aperta con una cerniera di plastica per mangiare il cibo con un cucchiaio. L’umidità del cibo permette che questo aderisca al cucchiaio, anche in un ambiente a gravità ridotta. Polpette di salsiccia, maiale con patate e stufato di pollo erano alcune delle prelibatezze confezionate in cucchiaiate e godute dagli astronauti nello spazio durante la missione Apollo 11.

Lo spoon-bowl packet (letteralmente, pacchetto cucchiaio-ciotola), introdotto con le missioni Apollo, permette di reidratare il cibo e riscaldarlo in una busta, che viene poi aperta con una cerniera di plastica in alto, per mangiare il cibo con un cucchiaio.

Lo spoon-bowl packet (letteralmente, pacchetto cucchiaio-ciotola), introdotto con le missioni Apollo, permette di reidratare il cibo e riscaldarlo in una busta, che viene poi aperta con una cerniera di plastica in alto, per mangiare il cibo con un cucchiaio.

Alcuni dei dettagli più significativi della missione sull’Apollo 11 sono caratterizzati dalle bevande. Per la prima volta è stato portato il caffè per gli astronauti: quindici tazze per ogni passeggero, con Aldrin che chiese il caffè nero, Michael Collins con lo zucchero e Neil Armstrong lo preferiva chiaro e dolce. Stranamente, Tang, la polvere da bere al gusto d’arancio, associata così strettamente al primo programma spaziale, non era a bordo dell’Apollo 11.

Ma in fondo tutti ci chiediamo... ma che sapore aveva il cibo? Ci sono sorprendentemente pochi dati al riguardo. Il Dr. Malcolm Smith, il capo di Food and Nutrition alla NASA per il volo Apollo 11, ha riportato nell’edizione autunnale 1969 di Nutrition Today che gli astronauti Armstrong, Aldrin e Collins “hanno apprezzato il cibo che avevamo a bordo. La varietà era soddisfacente, e ce n’era abbastanza per soddisfare la loro fame e mantenere le loro prestazioni”.

Buzz Aldrin si è goduto il cocktail di gamberi, raccontando in seguito che “i gamberi sono stati scelti uno ad uno per essere sicuri che sarebbero stati abbastanza piccoli da spremere fuori dalla confezione di cibo, ed erano deliziosi!”. Dal libro “From the First Man: The Life of Neil A. Armstrong” apprendiamo che il pasto preferito del comandate erano gli spaghetti al ragù, le patate smerlate, i cubetti di torta di frutta e il punch all’uva.

Il documento del 1974 sui sistemi alimentari Apollo rivela il duro lavoro e la cura con cui sono stati alimentati gli astronauti. Hot dog termo-stabilizzati, pacchetti di insalata di pollo disidratata e simili erano il “risultato degli sforzi di un grande gruppo di persone di diversa provenienza, interessi e competenze”. Ogni persona di questo gruppo è stata “coinvolta nel desiderio di contribuire ad un affascinante, avventuroso e autentico programma di esplorazione spaziale” durante le missioni Apollo.

La tecnologia alimentare potrebbe sembrare un aspetto secondario se paragonata alla complessità dei sistemi di missilistica e di controllo del clima, ma il benessere fisico e mentale degli astronauti, e per estensione il successo della missione, dipendeva da dettagli piccoli come il formaggio cheddar e i morsi di brownie.

 

21 Giugno 2019

 

Testo   Mario Genovesi
Foto   NASA

 

 

CONDIVIDI