loader image

Posto di Conversazione

Da quarant’anni la sua insegna, discreta ed elegante, si affaccia in uno dei luoghi più caratteristici e pittoreschi di Milano: direttamente sull’alzaia del Naviglio Grande, vicino al punto dove il canale sfocia nella Darsena di Porta Ticinese.

Condividi questo articolo

Da quarant’anni la sua insegna, discreta ed elegante, si affaccia in uno dei luoghi più caratteristici e pittoreschi di Milano: direttamente sull’alzaia del Naviglio Grande, vicino al punto dove il canale sfocia nella Darsena di Porta Ticinese. A due passi da una roggia, dove ancora si trovano le piccole tettoie e le lastre di granito sulle quali le lavandaie sciacquavano i panni con le sue acque, allora limpide.

È il Posto di Conversazione: nome atipico per un ristorante, quasi una dichiarazione d’intenti. Locale dall’atmosfera riservata e calda al tempo stesso, dove l’eleganza non è ostentata ma si ritrova nella coerenza tra l’ambiente e la cucina.

Diciamolo subito: il menu è un inno alla classicità milanese e lombarda. Dal risotto alla cotoletta (rigorosamente di vitello), fino ai mondeghili, c’è tutto quello che ci deve essere, nella sua forma migliore: raffinata e sempre con un tocco di classe.

E, soprattutto, in tutte le stagioni. Oltre a un’ampia e variegata rete di clienti affezionati e fedeli, una delle carte vincenti del Posto di Conversazione sono infatti la clientela straniera, che arriva da tutti i paesi, in viaggio d’affari o di piacere, grazie soprattutto a un efficacissimo passaparola. “Vengono qui” spiega il patron del locale, Gianni Marasco “perché sanno che la nostra cucina non tradisce mai: il turista è trattato sempre come il cliente abituale, la tavola è sempre all’altezza delle promesse e delle aspettative e sul conto non si trovano mai brutte sorprese; un ristorante da consigliare, con la certezza di fare e di far fare bella figura”.

Per lo chef Raffaele Alj, il Posto di Conversazione è l’approdo di una carriera che lo ha portato, dalla sua Calabria, a fare esperienze in giro per l’Italia e per l’Europa, lavorando in locali molto diversi tra loro, assorbendone le conoscenze e definendo il proprio stile: uno stile che fa l’occhiolino in alcun piatti del ricchissimo menu, soprattutto tra gli antipasti, le portate di pesce, che arriva sempre freschissimo dal Tirreno, e i dolci.

Assolutamente completa la cantina, che consente al turista di trovare i vini bandiera del nostro paese ma che è dedicata, in armonia con la proposta gastronomica, ai vini lombardi, in particolare oltrepadani.

Condividi questo articolo
Giorgio Vizioli è Associate Editor di Me Gusta Magazine dal 2016. Giornalista e Comunicatore, è dal 1990 titolare dell’Agenzia Studio Giorgio Vizioli & Associati di Milano. È stato Direttore del Centro Informazioni Champagne per l’Italia e nel corso degli anni ha lavorato per numerosi Consorzi di Tutela e Produttori dei settori vitivinicolo e agroalimentare, italiani e internazionali. Nel 2020 ha ricevuto il Premio “Ufficio Stampa di Eccellenza” assegnato dal GUS (Giornalisti Uffici Stampa) Lombardia. Iscritto all’Albo Giornalisti dal 1983, ha collaborato e collabora con diverse testate stampate e digitali, generaliste e specializzate.