loader image

Gli scienziati hanno scoperto una nuova specie di pesce gigante al largo del Giappone

nuova-specie-pesce
Condividi questo articolo

L’istituto americano NOAA’s National Ocean Service afferma che circa il 90% delle specie marine non sono ancora state identificate. Così quando viene portato alla superficie qualcosa di nuovo, è sempre un evento. Una nuova specie di pesce che misura più di un metro di lunghezza è stata scoperta nella baia più profonda del Giappone da un team di ricerca guidato dalla Japan Agency for Marine-Earth Science and Technology.

Si pensa che il pesce sia un predatore di punta nell’ecosistema della baia di Suruga nella prefettura di Shizuoka, a sud-ovest di Tokyo. Il team di ricerca ha incluso la parola yokozuna – il grado più alto del sumo professionale – nel nome giapponese del pesce perché si pensa che sia il più grande membro della famiglia degli slickhead, che di solito crescono fino a circa 30 centimetri di lunghezza. Al pesce è stato dato il nome scientifico Narcetes shonanmaruae.

Gran parte dell’ecosistema di Suruga Bay rimane un mistero. Nel 2016, il team ha praticato la pesca con il palangaro di fondo e ha catturato un totale di quattro pesci sconosciuti da profondità di circa 2.100 a 2.600 metri. Gli esemplari erano lunghi tra 1,22 e 1,38 metri. Le loro squame erano blu brillante e assomigliavano ai celacanti, pesci d’alto mare a volte chiamati fossili viventi.

La TAC e l’analisi genetica hanno rivelato che il pesce può essere classificato nella famiglia Alepocephalidae. L’aggiunta di yokozuna al moniker giapponese della specie è stata una scelta naturale, poiché il nome giapponese della famiglia sekitori deriva apparentemente dai lottatori dei grandi tornei di sumo. L’analisi del contenuto del loro stomaco ha rivelato che predavano altri pesci d’alto mare, suggerendo che è in cima alla catena alimentare locale – il leone dei mari più profondi.

Il team ha anche ripreso il pesce in video, mentre nuota vicino al fondale marino. I ricercatori credono che sia il suo nuoto veloce e la loro grande bocca a catturare le prede. Le zone di mare profondo costituiscono oltre la metà dell’oceano mondiale, ma i predatori in ciascuno di questi diversi ecosistemi sono poco conosciuti, a differenza dei cacciatori di acque poco profonde come le orche.


Condividi questo articolo