Bompas & Parr: Il Futuro del Cibo

 Sam Bompas e harry Parr fotografati da Charlie Surbey

Sam Bompas e harry Parr fotografati da Charlie Surbey

Pochi hanno trasformato il cibo e le bevande in un'avventura come Sam Bompas e Harry Parr. Il duo inglese di food artists ha condensato l'idea del teatro nella cena creando così uno spettacolo in cui gli alimenti sono i veri performer. La loro ispirazione è illimitata. Abbiamo intervistato Sam Bompas che insieme a Harry Parr è co-fondatore del leggendario studio Bompas & Parr.

Prima di tutto, potresti presentarvi e dirci qualcosa su di voi e sul vostro lavoro?

Noi ci vediamo come coloro che invadono il mondo della cucina, dell'arte e dell'architettura dalla porta di servizio. Il nostro obiettivo è quello di regalare un pasto nudo, quando ognuno vede cosa c'è realmente sulla punta della forchetta, con occhi freschi.


Come avete iniziato a collaborare insieme?

Abbiamo iniziato a lavorare insieme dieci anni fa, perché volevamo fare qualcosa di divertente durante il fine settimana, realizzando gelatine architettoniche. Da allora ci siamo impegnati a fondo, esplorando i limiti della creatività culinaria. Dopo oltre 50 tonnellate di gelatina, abbiamo fatto fermentare la birra con i batteri tamponati dalla sedia di scrittura di Roald Dahl, allestito uno spettacolo pirotecnico di sapori per un quarto di milione di persone ed esposto opere culinarie al Barbican, al SFMOMA e al Museo d'Arte Moderna di San Paolo. Un'avventura sotto ogni punto di vista! Strano pensare che la prima volta ci siamo trovati solo per fare delle gelatine!

 Gelatine di Bompas & Parr

Gelatine di Bompas & Parr


Da dove iniziate quando create un'esperienza gastronomica?

Una ricerca approfondita è fondamentale se si vuole offrire qualcosa di convincente. Abbiamo una vasta biblioteca di lavori rari ed esoterici a cui ci ispiriamo nelle prime fasi di qualsiasi progetto. Si va dal ricettario di Barbra Cartland ai trattati tecnici sul colore e la luce in natura, passando per i cataloghi di prodotti chimici pesanti prodotti da Alfa Asser. Per creare qualcosa di inedito è necessario sapere con che cosa si sta avendo a che fare.

 Gelatine di Bompas & Parr

Gelatine di Bompas & Parr


Come descriveresti il vostro approccio al design?

Noi scegliamo sempre la strada dell'assalto sensoriale totale. Il motto dello studio è tratto da William Blake: "La strada dell'eccesso porta al palazzo della saggezza". Per noi l'eccesso è successo.


Avete mai perso il controllo di uno dei vostri progetti?

Noi ci godiamo il caos creativo. Immettiamo lavoro creativo nell’etere e non sempre siamo in grado di prevedere completamente la risposta. Spesso un progetto porta a connessioni inaspettate che possono essere utili e stimolanti. Per esempio quando abbiamo cucinato con la lava, usando roccia di 1,1 miliardi di anni per cuocere le bistecche, siamo stati contattati da un vulcanologo con cui stiamo ancora collaborando. A volte non avere vincoli può essere una disciplina pragmatica.

VIDEO: BOMPAS & PARR, COOKING WITH LAVA, SIRACUSA, 2014 (CUCINARE CON LA LAVA)


Quali sono le vostre attuali influenze principali e in che modo stanno ispirando il vostro lavoro?

Il Mithraeum, appena inaugurato sotto il nuovo edificio Bloomberg, è assolutamente straordinario. Si scende sotto il livello della strada fino al tempio di un culto segreto romano. I materiali utilizzati nel recente allestimento museale sono così sensuali e lussuosi che la nota curatoriale è scolpita nel marmo. Il loro uso elegante di fumo e luce per evocare l'atmosfera è stato fonte di ispirazione per alcuni dei lavori che stiamo sviluppando per la Tate Modern.


Qual è il vostro progetto preferito e quale vorreste realizzare?

L'aspettativa di vita di una nuvola è di circa dieci minuti. Se si volge il viso verso il cielo, qualsiasi formazione meterologica sarà del tutto irriconoscibile nel tempo necessario per bere una tazza di tè. Probabilmente il mio progetto preferito è Alcoholic Architecture dove abbiamo esploso i contenuti di un cocktail in una scala immersiva e abitabile - una nuvola di gin e tonic che passa attraverso i polmoni e i bulbi oculari.

Non abbiamo ancora avuto l'incarico, ma ci piacerebbe sviluppare un progetto culinario per il funerale della Regina Elisabetta II del Regno Unito. Lei è una donna incredibile.

 ALCOHOLIC ARCHITECTURE, Borough Market, 2015 e 2016

ALCOHOLIC ARCHITECTURE, Borough Market, 2015 e 2016


Qual è stato il vostro ultimo progetto?

Attualmente stiamo cercando di trascinare un iceberg dall'Artico al porto di New York e di tagliarlo per realizzare dei cocktail. Abbiamo lavorato con i fisici di Cambridge e abbiamo scoperto che questo risulta essere 1000 volte più efficiente dal punto di vista energetico rispetto all'utilizzo di un fabbricatore di ghiaccio elettronico convenzionale.


Quest'anno siete presenti anche al salone del mobile a milano con un nuovo progetto, avete già lavorato con il miele in altre occasioni. Cosa possiamo aspettarci da questo evento?

Per il Salone Del Mobile stiamo raccogliendo la più vasta collezione al mondo di mieli esotici provenienti da tutto il mondo. Ogni miele proviene da una delle proprietà di Relais & Châteaux e ha un sapore straordinariamente diverso; le api raccolgono il nettare da circa 200 metri che circondano l'alveare. Così c'è il miele che variamente sapori di latte, menta e anche una marmitta fermentata! Venendo all'esperienza vi aiuterà a sperimentare un senso di stupore e meraviglia per la gloria della natura.

 

Gianmaria Biancuzzi