loader image

5 momenti in cui la Storia è cambiata grazie all’alcol

Condividi questo articolo

Lo Zar Nicola II di Russia.

I russi hanno perso una guerra perché erano troppo ubriachi

Nonostante i tentativi di paesi come l’Irlanda, la Germania o la Francia, nessuna nazione viene associata a un alcolico specifico come la Russia con la Vodka. I russi si misero alla prova durante la guerra russo-giapponese, quando dimostrarono di non poter rinunciare al loro alcolico preferito abbastanza a lungo, perdendo la guerra. I giornali russi del tempo riportarono che i soldati erano troppo ubriachi per combattere diventando facili bersagli per le forze giapponesi.

Nel 1905, la Russia accettò termini del trattato – non proprio ideali – in un negoziato mediato dal presidente americano Theodore Roosevelt. Persino lo stesso zar Nicola diede la colpa all’alcol per l’imbarazzante performance del paese. Vietò l’alcol nel periodo precedente la prima guerra mondiale nella speranza che non si ripetesse la stessa situazione. Attenzione allo spoiler: le cose non finirono bene né per lo zar né per il divieto dell’alcol, che terminò nel 1925.

Foto Joshua Michaels/Unsplash

La birra ha aiutato a costruire le piramidi

Può sembrare assurdo, ma la birra ha avuto un ruolo nella costruzione di uno dei più importanti traguardi dell’ingegneria nella storia dell’umanità. La birra era una bevanda così popolare nell’antico Egitto che i costruttori di piramidi ricevevano la birra come parte del loro salario di sussistenza. Ogni lavoratore riceveva 10 pagnotte di pane e una razione di birra per la sua parte nel progetto.

Questo pagamento era in realtà standard per tutto l’Antico Regno egiziano, dal 2686 al 2181 a.C. La birra era la bevanda delle masse in Egitto.

Testa di Alessandro Magno.

Alessandro Magno saccheggiò Persepoli in preda all’ebbrezza

Alessandro Magno è noto non solo per il suo amore per la conquista, ma anche per il suo amore per l’alcol. La passione di Alessandro per l’alcol raggiunse il culmine nel 330 a.C. al suo arrivo a Persepoli. Dopo aver conquistato la città, lui e i suoi uomini decisero, durante una notte di ubriachezza e dissolutezza, di bruciare Persepoli e raderla al suolo. Questa fu una decisione strana, probabilmente indotta dall’alcol, considerando che la città ora apparteneva a lui. In quelle fiamme, gli storici futuri persero tutto l’accesso a enormi quantità di conoscenze sull’antica Persepoli e sulla Persia. Se credete al Karma, un recente studio sostiene che Alessandro stesso potrebbe essere stato ucciso da un bicchiere di vino tossico.

Foto Jennifer Griffin/Unsplash

La birra ha ispirato la rivoluzione agricola e ha dato inizio alla civiltà

Gli appassionati di birra di tutto il mondo saranno felici di sapere che la birra potrebbe essere stata il catalizzatore della civiltà come la conosciamo noi. Secondo gli storici, la ragione originale per cui gli antichi agricoltori iniziarono a coltivare l’orzo più di 10.000 anni fa non era per creare il pane (come si credeva inizialmente) ma per creare la birra.

Questo passaggio dalla caccia-raccolta all’agricoltura ha segnato l’inizio della rivoluzione agricola, un periodo che ha regalato alla modernità piccole cose come la ruota, l’irrigazione e l’aratro.

La lotta all’alcol ha portato tutto il bene e il male dei ruggenti anni ’20

Le conseguenze involontarie del proibizionismo hanno portato alcune delle figure più romanzate degli anni ’20: il contrabbandiere, la flapper, il gangster, l’intoccabile Eliot Ness. Quando l’America rimase a secco, il crimine e il caos della scena alcolica clandestina fiorirono. Le norme sociali e sessuali si allentarono e la gente cominciò a liberarsi della pelle rigida dell’età vittoriana.

Quando la Grande Depressione colpì, i politici furono costretti a capire che la legalizzazione dell’alcol significava la tassazione dell’alcol.


Condividi questo articolo