10 Formule per Polibibite Futuriste

Luigi Colombo, in arte Fillìa, e l' architetto Nicolay Diulgheroff convinsero Angelo Giachino, proprietario del locale di via Vanchiglia 2 a Torino, ad aprire il primo ristorante futurista: la Taverna del Santopalato.

Luigi Colombo, in arte Fillìa, e l' architetto Nicolay Diulgheroff convinsero Angelo Giachino, proprietario del locale di via Vanchiglia 2 a Torino, ad aprire il primo ristorante futurista: la Taverna del Santopalato.

Più di un secolo fa, gli artisti italiani del movimento futurista pubblicarono il primo dei loro provocatori manifesti - un appello per l'arte che avrebbe sconvolto la società bucolica contadina del Paese nell’era industrializzata. Gli artisti trasmettevano il loro messaggio in dipinti di velocità e di volo, in opere teatrali che spesso si concludono in lotte e risse e infine - come accadrà forse solo in Italia - in un ricettario. “Ora stabiliremo il modo di mangiare più adatto a una vita sempre più veloce e aerea”, dichiarò il loro leader, Filippo Tomasso Marinetti, ne “La Cucina Futurista”, pubblicato nel 1932, con dettagliati scenari multisensoriali e piatti e bevande anarchiche che componevano le cene degli artisti, eventi per ospiti curiosi e giornalisti, testimoni delle richieste futuriste di ridisegnare l’Italia dall’arte al piatto.

I futuristi influenzarono non solo la pittura e la scultura, ma anche il design, l’abbigliamento, la musica e anche la gastronomia, tra cui i cocktail d’avanguardia che i futuristi chiamavano: Polibibite.

In linea con gli stilemi del movimento, i futuristi rifiutavano il classicismo e hanno cercato di reinventare il cocktail non solo come moderno, ma anche come innegabilmente italiano. Evitavano l’uso di guarnizioni classiche e di tutti gli ingredienti stranieri. I capisaldi delle polibibite servite nei Quisibeve, termine con cui i futuristi avevano ribattezzato i bar, erano le bevande autoctone come amari, i moscati d’asti e, naturalmente, il vermut.

Vi presentiamo le formule complete per polibibite futuriste tratte da “La Cucina Futurista” di Filippo Tommaso Marinetti e Luigi Colombo, in arte Fillìa. Il testo sin dall’inizio ricorda che “la dosatura sommaria di molte di queste formule non deve preoccupare ma bensì eccitare la fantasia inventiva dei cuochi futuristi i cui eventuali errori potranno spesso suggerire nuove vivande”.


 

Decisone

(polibibita dell’aeropoeta futurista Marinetti)

  • 1/4 di vino Chinato

  • 1/4 di Rhum

  • 1/4 di Barolo bollente

  • 1/4 di sugo di Mandarino 


Inventina

(polibibita dell’aeropoeta futurista Marinetti)

  • 1/3 di Asti spumante

  • 1/3 di liquore d’Ananas

  • 1/3 di sugo d’Arancio gelato

Schermata+2019-05-19+alle+16.38.57.jpg
 
 

Diavolo in tonica nera

(polibibita dell’aeropittore futurista Fillìa)

  • 2/4 di sugo di arancio

  • 1/4 di grappa

  • 1/4 di cioccolato liquido

  • Immergere il tuorlo di un uovo sodo

Le grandi acque

(polibibita dell’aeropittore futurista Prampolini)

  • 1/4 di grappa

  • 1/4 di gin

  • 1/4 di kummel

  • 1/4 di anice

  • Sopra il liquido galleggia un blocco di pasta di acciughe avvolta farmaceuticamente in un’ostia

 

Giostra d’alcool

(polibibita dell'aeropittore futurista Prampolini)

  • 2/4 di vino barbera

  • 1/4 di cedrata

  • 1/4 di bitter Campari

  • Nel liquido vengono immersi, infilati in uno stecchino, un quadrato di formaggio e un quadrato di cioccolata

Piumenoperdiviso

(polibibita del critico d’arte futurista P. A. Saladin)

  • 1 castagna candita

  • 1 parte liquore di rose

  • 1 parte liquore di ananas

  • 1 parte liquore di timo o serpillo

 
 
 
Marinetti durante una visita alla Taverna del Santopalato di Torino, primo ristorante futurista italiano.

Marinetti durante una visita alla Taverna del Santopalato di Torino, primo ristorante futurista italiano.

 
 

Amore alpestre

(polibibita del critico d’arte futurista P. A. Saladin).

  • 1/4 liquore di melissa

  • 1/4 gemme d’abete

  • 1/4 banane

  • 1/4 asperula odorosa

Snebbiatile (o Snebbiante,ndr)

(polibibita del critico d’arte futurista P. A. Saladin).

  • 1/3 liquore di artemisia

  • 1/3 rabarbaro

  • 1/3 grappa

Scintilla

(polibibita del critico d’arte futurista P. A. Saladin).

  • 1/4 liquore di mallo

  • 1/4 genziana

  • 1/4 assenzio

  • 1/4 ginepro

 
Umberto Boccioni, Rissa in Galleria (Vittorio Emanuele a Milano, ndr) del 1910 custodito alla Pinacoteca di Brera.

Umberto Boccioni, Rissa in Galleria (Vittorio Emanuele a Milano, ndr) del 1910 custodito alla Pinacoteca di Brera.

 
 
 

Brucioinbocca 

(polibibita del futurista Ing. Barosi).

  • Al fondo del bicchiere: whisky con marene in spirito, preventivamente immerse nel pepe di Caienna

  • Sopra: lattemiele o miele (spessore 1 cm.) come divisione impermeabile

  • Sul miele: alkermes, vermouth e strega

Un ritto 

(polibibita del futurista Ing. Barosi).

Un cilindretto cavo di ghiaccio coperto esternamente di miele. All’interno e al fondo: gelato di panna, poi nocciolini di Chivasso, pezzi di ananas, il tutto inaffiato di vermouth e menta glaciale.

Avanvera 

(polibibita del futurista Ing. Barosi).

Sopra un piattello di alluminio, equidistanti: un mucchietto di mandorle tostate, fette di banana, acciughe, caffè tostato, fette di pomodoro, fette di formaggio parmigiano. Nel centro del piattello, un bicchiere contenente: vermouth, cognac, strega. Dentro: fette di banana.

 Simultanea

(polibibita del futurista Dott. Vemazza).

  • 4/8 vino Vernaccia 3/8 vermouth 1/8 acquavite.

  • Dattero poco maturo ripieno di mascarpone impastato con liquore Aurum (Pescara). Il dattero così confezionato viene avvolto in sottili fette di prosciutto crudo e poi in foglia di lattuga. Il tutto infilato in uno stecchino sul quale si infilerà pure un piccolo peperoncino rosso sotto aceto ripieno di formaggio parmigiano a pezzetti.

  • (Se si introdurrà lo stecchino nel bicchiere, appariranno sul liquido gli occhi di grasso depositati dal prosciutto: in questo caso la polibibita potrà essere intitolata «quel porco che fa l’occhietto»).  

Rosabianca

(polibibita del futurista Giachino, proprietario del Santopalato).

  • Dosi diverse di aranciata

  • Liquore Campari

  • Anice con essenza di Rose Bianche

 
 

Polibibite e Quisibeve: la risposta futurista a cocktail e bar →


Ora stabiliremo il modo di mangiare più adatto a una vita sempre più veloce e aerea” Filippo Tommaso Marinetti (Manifesto della cucina futurista, 1931)

 

19 Maggio 2019

 

Testo   Mario Genovesi
  Filippo Tommaso Marinetti

 

 

CONDIVIDI