loader image

Come una dieta antinfiammatoria può cambiare la vita

Erin Kunkel
Condividi

Nel 2016, la chef Amanda Haas ha deciso di avvicinarsi alla cucina antinfiammatoria perché aveva passato anni con dolori, bruciore di stomaco, problemi alla schiena e al collo.

Migliorando la sua dieta, ha iniziato a sentirsi fisicamente così bene che la cucina antinfiammatoria è diventata la base delle sue abitudini alimentari. Ovviamente gli ingredienti antinfiammatori sono i pilastri di questa filosofia, perché la dieta antinfiammatoria è la chiave per sentirsi bene ogni giorno. Meglio si mangia, meglio ci si sente. “Mangiare bene non solo mi fa sentire meglio dentro, ma anche invecchiare meglio” racconta la Haas.

scallopscornsuccotash_v1_3026
Erin Kunkel

L’infiammazione è la risposta del corpo agli irritanti e agli stress esterni. È una parte naturale del nostro sistema immunitario e senza di essa le nostre ferite non guarirebbero. Ma quando l’infiammazione cronica si verifica, sconvolge i nostri ecosistemi interni, provocando scompiglio nel nostro sistema digestivo e nervoso. Innumerevoli fattori portano ad un’infiammazione cronica, e sempre più persone diventano consapevoli dei suoi effetti, scegliendo di eliminare le sostanze irritanti conosciute, come il glutine, nel tentativo di sentirsi meglio. Tuttavia, mentre la sensibilità al glutine è diventata tradizionale, il glutine non è l’unico irritante che causa un’infiammazione cronica. La tipica dieta occidentale degli alimenti trasformati, l’eccesso di zucchero, il consumo regolare di alcol e la scarsità di alimenti che contrastano naturalmente l’infiammazione, come le verdure fresche, i semi, le noci e i pesci grassi, contribuiscono notevolmente alla diffusione dell’infiammazione cronica.

L’infiammazione cronica può provocare o peggiorare malattie cardiache, malattie infiammatorie (ad esempio, artrite reumatoide, lupus, celiachia), diabete, e molti altri disturbi (l’elenco è lungo).

Nella sua forma minore, l’infiammazione cronica può manifestarsi come disturbo gastrointestinale, letargia o malessere generale. “Avevo tutti questi sintomi quando consumavo glutine, latticini e zucchero in misura minore” racconta Amanda.

wildricesalad_v1_0034
Erin Kunkel

Come primo passo, un’alimentazione aggiornata e intenzionale può svolgere un ruolo materiale nel promuovere il benessere generale e nel limitare l’insorgenza o la progressione di malattie che sono negativamente influenzate dall’infiammazione.

Bisogna mangiare solo gli alimenti che funzionano meglio per il proprio corpo.

Anche se vi sentite bene con glutine, latticini e altri ingredienti “hot topic”, la chef ci incoraggia a provare a vivere senza per qualche settimana e ad ascoltare il proprio corpo. I dolcificanti sono un’altra questione alimentare importante; dolcificanti naturali o minimamente raffinati – miele, sciroppo d’acero, datteri, cocco e zuccheri naturali di canna da zucchero – sono decisamente da preferire.

vibrantlife_cvr

Per i milioni di persone che vogliono vivere la loro mezza età con grazia e buona salute, Amanda Haas ha raccolto oltre 70 ricette pratiche e deliziose in un nuovo libro “Vibrant Life”, ricco di consigli, risorse e pratiche che promuovono il benessere, la bellezza e la longevità.

Più che un libro di ricette, si tratta di un vero e proprio stile di vita con informazioni su pratiche olistiche, ormoni e come mangiare, tutte fornite o verificate da esperti. Combinando forma e funzione, questo libro è sia una risorsa che un’ispirazione. Ricette fresche e accessibili per tutte le occasioni – incluse le bevande – offrono una serie di benefici che aumentano l’immunità, rafforzano la memoria, migliorano gli stati d’animo e sostengono la salute digestiva.