L’oliva Nocellara del Belice, eccellenza DOP che narra la Sicilia

Don Fontijn/Unsplash

Don Fontijn/Unsplash

La pregiata oliva DOP Nocellara del Belice è un’eccellenza tutta italiana. Nasce dalla perla di quel lembo di Sicilia occidentale, dove tempi lenti, arte e natura incontaminata uniscono le forze per generare un prodotto esclusivo, tanto da essere l'unico in Europa a meritare due DOP: “Nocellara del Belice” per l'oliva da tavola e "Valle del Belice" per l'olio.

Il segreto della Nocellara (e del suo alto contenuto di polifenoli, i preziosi antiossidanti che neutralizzano l’azione dei radicali liberi) sta nel clima e nella stratificazione del territorio siciliano. Suoli rossi, sole e la benefica brezza marina del Mediterraneo favoriscono la crescita di ulivi vigorosi, i cui tronchi paiono sculture modellate dalla natura stessa, a imitazione dei resti delle colonne in stile dorico che si ammirano nel Parco Archeologico di Selinunte, non lontano dalla Valle del Belice.

Hans Suter/Flickr/(CC BY 2.0)

Hans Suter/Flickr/(CC BY 2.0)

Il clima e le condizioni ambientali incidono inoltre sulle peculiarità estetiche di questa cultivar. La Nocellara DOP presenta forma arrotondata, colore verde intenso e pezzatura grande (ogni frutto pesa 5-7 g), che impone la raccolta a mano direttamente dalla pianta tramite “brucatura”, al fine di preservarne al meglio l’integrità, nel rispetto delle antiche tradizioni agricole siciliane.

Consapevole di custodire il frutto di una terra antica, dal 1860 l’azienda Agricola Bonanno coltiva in armonia con i ritmi della natura, prosegue la tradizione della raccolta a mano e produce olio extravergine di oliva biologico estratto con la tecnica della spremitura a freddo, come una volta. Da qui i riconoscimenti e le certificazioni di olio e olive DOP biologici e la recente conquista dell’87° posto all’interno della classifica di Flos Olei, guida dell'extra vergine di qualità: unanimemente considerata come la più importante pubblicazione di settore a livello globale, recensisce ben 500 aziende d’eccellenza provenienti dai 5 continenti, per un totale di 52 Paesi.

 

27 Maggio 2019

 

Testo   Silvia Faccio
Foto   Hans Suter
  Don Fontijn

 

 

CONDIVIDI