loader image

Il Covid-19 ha reso evidente la fragilità dei nostri sistemi alimentari

Mick Haupt

La pandemia di COVID-19 ha spinto oltre 124 milioni di persone in tutto il mondo in condizioni di estrema povertà e ha fatto impennare i prezzi degli alimenti, provocando una crisi della fame e attirando l’attenzione sulla catena di approvvigionamento alimentare.

Il World Food Program, l’iniziativa di soccorso per la fame nel mondo portato avanti dalle Nazioni Unite, ha detto il mese scorso che la pandemia ha mostrato la vulnerabilità del sistema alimentare mondiale che potrebbe portare a “carestie di massa”.

Molti esperti hanno fatto eco questa terribile preoccupazione per l’approvvigionamento alimentare mondiale e la mancanza di resilienza nel sistema alimentare che deriva principalmente da una preferenza dell’industria a preferire accordi a breve termine a scapito della stabilità a lungo termine.

Il Covid-19 ha mostrato quanto siano fragili i nostri sistemi alimentari. Le fratture che abbiamo visto sulle catene di approvvigionamento sono ancora più preoccupanti se si pensa che l’industria del cibo e l’agricoltura, sono un’industria che esiste da oltre 12.000 anni. La maggior parte degli accordi di fornitura alimentare sono ancora su base settimanale, mensile, giornaliera, quindi questo significa che se qualcosa va storto, il sistema si rompe.

Subito dopo l’inizio della pandemia l’anno scorso, la catena di approvvigionamento alimentare globale ha subito uno shock quando alcune delle principali nazioni produttrici di grano del mondo hanno imposto controlli sulle esportazioni che hanno mantenuto il prodotto all’interno dei loro confini. Nel frattempo, la domanda è aumentata in paesi come la Cina che avevano bisogno di grano per sostenere la produzione di bestiame in espansione. Come risultato, i prezzi del cibo sono aumentati di quasi il 20% l’anno scorso, dice la Banca Mondiale.

Nel frattempo, la flessione economica mondiale causata dalla chiusura del coronavirus ha spinto centinaia di milioni di persone nella povertà, limitando la loro capacità di permettersi il cibo. L’insicurezza alimentare globale è peggiorata gravemente e ha causato una migrazione “senza precedenti”, hanno detto le Nazioni Unite a novembre.

La crisi del mercato alimentare globale è dovuta a un eccesso di offerta in alcune regioni che non può raggiungere la crescente domanda in altre. Un’enorme parte della crisi contro cui stiamo lavorando è stata guidata dal fatto che si tratta di un mercato globale, con specifici centri di fornitura e centri di domanda. Con questi profondi squilibri che vengono costruiti, si trovano aree in cui si ha la più grande crescita in termini di domanda e altre in cui c’è la più alta concentrazione di offerta.

L’instabilità alimentare globale accentuata dal COVID-19 probabilmente peggiorerà, poiché i paesi esportatori di cibo come il Brasile e la Russia continuano a frenare le esportazioni per gestire i prezzi degli alimenti all’interno dei loro confini. A sua volta, la domanda supererà l’offerta in altri paesi che dipendono dalle importazioni che è quello che stiamo vedendo accadere quest’anno e di cui in pochi parlano.