loader image

Durello: le preziose bollicine dei colli della Lessinia veronese

Fattori Vini
Condividi questo articolo

Se trentasei mesi vi sembrano pochi… potete sempre assaggiare un “sessanta mesi”! Ma non stiamo parlando di Prosciutto San Daniele o Parmigiano Reggiano. No. Qui di scena sono le bollicine. E i mesi non sono di stagionatura, ma di un invecchiamento particolare, quello del Metodo Classico, che vuol vedere il vino riposare sui lieviti, prima del dégorgement: per 36 o per 60 mesi!

Protagonista di questo riuscito esperimento vinicolo è un’uva autoctona del Veneto occidentale, in pratica la provincia di Verona: la Durella bianca, così chiamata per la vigoria della sua bacca, resistente alle malattie e alle intemperie.

La sua zona d’origine sono i monti Lessini, che guardano da settentrione la città di Romeo e Giulietta. Uva che, quando diventa vino, muta genere e diventa maschile: ed ecco quindi il Durello. Vino bianco, che è particolarmente interessante soprattutto quando, rifermentato in bottiglia, viene proposto nella versione spumante.

E la Cantina Fattori, che da tre generazioni opera a Terrassa di Roncà, ha voluto produrre due versioni di queste bollicine, denominate “Roncà Metodo Classico” Doc Lessini Durello Spumante: una – il “36 mesi” – che ha riposato sui lieviti per tre anni e, l’altra – il “60 mesi” – che si è affinato per un lustro. Entrambi, dopo la sboccatura, vengono fatti riposare per altri sei mesi, prima di essere messi in commercio.

Si tratta di due vini molto diversi tra loro: tanto quanto il “36 mesi” è giovanile e porta bene la sua età, il “60 mesi” è di una sorprendente complessità aromatica, tutta giocata sottotono, come si conviene a un vino di gran classe.

Due bollicine, il “36” e il “60”, adatte a occasioni di consumo differenti: più da brindisi augurale a inizio pasto, il primo vino, più da abbinamenti importanti o da meditazione, il secondo. Due vini che, degustati in sequenza, accompagnano magistralmente tutto il pasto.


Condividi questo articolo