loader image

Aspettando Vinitaly

Le anticipazioni su importanti temi dell’edizione 2022 della fiera di Verona.

Condividi questo articolo
Un ricco calendario eventi online anticipa gli argomenti chiave dell'edizione del 2022 di Vinitaly, la fiera dei vini italiani di Verona. Me Gusta Magazine

Mancano 50 giorni all’apertura della 54° edizione di Vinitaly, e tutti tengono le dita incrociate. Dopo due anni di sospensione, intervallati solo dalla pur felice special edition che ha avuto luogo nello scorso autunno, il desiderio del mondo del vino di ritrovarsi al gran completo nei padiglioni di Verona è fortissimo.

In attesa del taglio del nastro, ci si può preparare alla kermesse veronese seguendo un percorso di webinar: si parla di nuove tendenze dei mercati internazionali, di analisi delle vendite nella grande distribuzione e di strategie di comunicazione. 

Si è partiti il 9 febbraio con il primo appuntamento online organizzato dal Salone internazionale dei Vini e dei Distillati di Veronafiere in collaborazione con FIPE (Federazione Italia Pubblici Esercizi) sul tema “Zero Waste: prove pratiche di sostenibilità e di economia circolare”. Tra i relatori Antonio Ciappi (Slow Food Italia), Viola De Andrade Piroli (Refoodgees), Eugenia Aguilar (Too Good Too Go), Pierfrancesco Bertoni (Bottega), Andrea Cason (Bartenders Group Italia), Federico Mariutti Fipe-Confcommercio).

L’analisi dei prezzi nella distribuzione moderna e le prospettive di mercato in questo canale sono stati al centro del secondo incontro, il 17 febbraio: “Politiche dei prezzi a scaffale in riferimento anche all’impatto dell’aumento del costo dell’energia sui prodotti”, con interventi di Francesco Scarcelli (Coop Italia), Virgilio Romano (IRI), Gianmaria Polti (Carrefour Italia), Simone Pambianco (Conad), Mirko Baggio (Federvini), Robert Ebner (Unione Italiana Vini). 

In collaborazione con Colangelo&Partners, si approfondirà il tema del mercato degli Stati Uniti. È un argomento quanto mai attuale: secondo l’Osservatorio Vinitaly-Nomisma Wine Monitor, infatti, da gennaio a novembre 2021, i dati relativi all’export oltreoceano del vino italiano evidenziano un rimbalzo nelle importazioni complessive superiore al 20% in valore e di +14% a volume, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Mercoledì 23 febbraio (ore 18.00) è in programma un incontro sul tema con la ristorazione per “Re-immaginare la carta dei vini del ristorante: il COVID ha cambiato per sempre il business on-premise negli Stati Uniti?”: un’analisi dei cambiamenti imposti dal Covid e delle nuove strategie di posizionamento a seguito della contrazione delle carte dei vini.

Chiuderà il ciclo l’approfondimento su ‘influencer marketing’ con “Global vs. Local, Lifestyle vs. Wine Influencer, Micro vs. Macro: come affrontare il mondo dell’Influencer Marketing” (mercoledì 22 marzo alle 18.00).

I webinar sono gratuiti previa registrazione su www.vinitaly.com.

Condividi questo articolo
Giorgio Vizioli è Associate Editor di Me Gusta Magazine dal 2016. Giornalista e Comunicatore, è dal 1990 titolare dell’Agenzia Studio Giorgio Vizioli & Associati di Milano. È stato Direttore del Centro Informazioni Champagne per l’Italia e nel corso degli anni ha lavorato per numerosi Consorzi di Tutela e Produttori dei settori vitivinicolo e agroalimentare, italiani e internazionali. Nel 2020 ha ricevuto il Premio “Ufficio Stampa di Eccellenza” assegnato dal GUS (Giornalisti Uffici Stampa) Lombardia. Iscritto all’Albo Giornalisti dal 1983, ha collaborato e collabora con diverse testate stampate e digitali, generaliste e specializzate.