Post taggati Viticultura
3 Vitigni autoctoni protagonisti del Rinascimento enologico della Campania

Campania felix, la chiamavano i Romani. Per la fertilità del clima, per la bellezza del paesaggio, per la mitezza del clima. E, ovviamente, anche per la piacevolezza della vita che un posto così favorito dagli dei permetteva di condurre. Non solo Tiberio, dunque, che di Capri fece il suo personale santuario, ma tantissimi patrizi romani elessero questa parte d’Italia a simbolo della loro dolce vita.

Ulteriori informazioni
Gualdo del Re, sotto il segno del vino

La Toscana, da sempre, è terra di storia, bellezze naturali e paesaggistiche, cultura, architettura e di vini, celebri in tutto il mondo. Qui, per la precisione a Suvereto, un piccolo comune medievale chiuso ad anfiteatro dai colli che dominano la parte centrale della Toscana, di fronte all’Isola d’Elba e a pochi chilometri dal mare ha casa, vitigno, cantina, ristorante e resort, arredato con garbo e semplicità, Gualdo del Re.

Ulteriori informazioni
Contaminazioni suprematiste tra arte e vino

Ha un nome altisonante, Mirvita Opificium ArteVino, che racchiude in sé, soprattutto nell’ultima parola, le due passioni del fondatore: arte e vino. È nel cuore della Puglia Sveva, a pochi passi da Castel del Monte, che nel 1990 Donato di Gaetano, economista appassionato produttore di vini di eccellenza, fonda l’azienda agricola Tor de’ Falchi e, successivamente, crea il marchio Mirvita Opificium ArteVino. Al centro di una serie di progetti di riqualificazione rurale e produttiva avviati nel 2008 la proprietà ha riconvertito i vigneti, ha interamente ristrutturato l’antica masseria, adibita ora a struttura di accoglienza per il turismo enogastronomico.

Ulteriori informazioni
Il Vulcano in una bottiglia

Le pendici dell’Etna sono uno dei posti più belli e soprattutto più particolari per allevare l’uva. La presenza del vulcano è infatti un elemento imprescindibile, che caratterizza in modo totalizzante questo peculiare terroir. Ne influenza infatti il clima, la composizione del suolo, la qualità dell’aria e delle acque che danno linfa alle piante; il modo di coltivare la terra, di vendemmiare e di vinificare.

Ulteriori informazioni
Il genio di Leonardo, la Casa degli Atellani a Milano e l'umanissima passione per il vino

Il 2019 è l’anno di Leonardo, il genio del Rinascimento, interprete della più alta sintesi tra arte e scienza che fu al contempo pittore, inventore, scienziato, ingegnere, musicista. Tra le innumerevoli passioni c’erano anche la cucina e il vino. Come testimoniano l’invenzione di arnesi (per pelare, tritare, affettare) illustrati nel Codex Atlanticus e appunti sul ciclo della vite, rinvenuti fra le sue carte.

Ulteriori informazioni
Il Tuchì, una gemma poco nota della Pianura Padana

Da quando il Tocai non ha più potuto chiamarsi con il suo nome, i produttori italiani di questo affascinante vitigno, ricco di storia e tradizione, sono andati in ordine sparso (ingenerando anche non poca confusione sul mercato): in Friuli l’hanno chiamato Friulano, mentre in Veneto si chiama Tai bianco.

Ulteriori informazioni
L'Oro Nero Emiliano

Carpi è un luogo unico, meta ogni anno di migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo alla ricerca di un’esperienza immersiva tra natura e sapori. Ma anche uno scrigno per incontri di alto profilo dove artisti, istituzioni, imprenditori, chef stellati, dialogano sul valore culturale rappresentato dal made in Italy.

Ulteriori informazioni
Vini Estremi e Viticoltura Eroica

Nei secoli, l’uomo ha piantato la vite, e solo la vite, nei posti più impensati: su terrazzamenti in riva al mare, nella sabbia delle dune, su isolotti, a volte scogli, difficilmente raggiungibili, o su erte pendici di montagne quasi inaccessibili.

Ulteriori informazioni
Il Futuro dei Mercati, i Mercati del Futuro

Più Oriente e meno Europa per i vini italiani. Nel prossimo quinquennio, l’export verso la Cina è destinato infatti ad aumentare, unitamente - sanzioni permettendo - a quello verso la Russia. Tiriamo le somme di quello che ci aspetta per il futuro dal Vinitaly di quest'anno.

Ulteriori informazioni
Ca’ Corniani. Terra d’avanguardia

Un grande tetto dorato per l’antico casale abbandonato, una scritta al neon che si illumina a ogni fulmine che cade in Italia, delle sculture-ritratto dei cani e cavalli che vivono nel podere: saranno queste le tre opere che accoglieranno tutti quelli entreranno a Ca’ Corniani, storica tenuta di Genagricola, in provincia di Venezia.

Ulteriori informazioni