Lo Champagne tra arte e pubblicità

Con quasi sette milioni e quattrocentomila bottiglie, l’Italia si conferma al quinto posto tra i paesi importatori di Champagne. C’è una certezza nel mondo del vino, in Italia e nel mondo: lo Champagne non passa mai di moda.

Lo confermano i dati sulle spedizioni di bottiglie relativi al 2018 che, come ogni anno, sono stati comunicati dal CIVC (Comité Interprofessionnel du Vin de Champagne, ossia l’organismo consortile al quale fanno capo le maison e i récoltant impegnati nella produzione delle preziose bollicine).

Ripercorriamo la storia dell’immaginario legato allo Champagne attraverso le immagini che lo hanno raccontato nel tempo, tra opere d’arte e poster pubblicitari.

 

16 Giugno 2019

 

Testo   Redazione

 

 

CONDIVIDI