Il passito unico, nato dall’Incrocio Manzoni

È passato quasi un secolo da quando il grande enologo veneto Luigi Manzoni, assieme all’altrettanto illustre collega piemontese, Giovanni Dalmasso, diede vita ai due vitigni, uno rosso e uno bianco, che presero il suo nome: Incrocio Manzoni, per l’appunto. Negli anni a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento, infatti, i vigneti europei erano stati quasi interamente distrutti dalle epidemie di fillossera, un insetto che attacca le radici delle viti, provocandone la morte.

Ulteriori informazioni
Jaden Smith lancia un food truck vegetariano per i senzatetto a Los Angeles

I Love You Restaurant fornisce 'cibo vegano sano e gratuito'. Il food truck di un giorno mira a distribuire cibo vegano ai senzatetto di Downtown LA - un'iniziativa che Smith descrive come il “primo di molti”.

Ulteriori informazioni
Le colline del Prosecco entrano nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO

 Le colline di Conegliano e Valdobbiadene, dove si coltivano le uve che producono il famoso Prosecco, hanno ottenuto il via libera alla riunione del Comitato del Patrimonio Mondiale dell'Unesco a Baku. 

Ulteriori informazioni
La Fiaschetta: amica ideale per la stagione dei Festival

Abbiamo selezionato gli strumenti per sopravvivere a lunghe ore di musica, con le fiaschette più insolitamente alla moda, pensate per sorprendere i tuoi amici che scopriranno che nel tuo ombrello oppure nel libro, in realtà, si nasconde un astuto contenitore. Senza dimenticare alcuni consigli su come riempirli in grande stile con le ricette adatte.

Ulteriori informazioni
“Chiacchierando con il produttore”: nuovo format di degustazione e abbinamento gastronomico al Milano Tasting Room

Metti una sera a cena. Ogni quindici giorni. Con una trentina di amici: persone simpatiche e pronte alla condivisione, unite dalla passione per il vino e la tavola. E, ogni volta, l’incontro con un diverso produttore, che racconta sé stesso, la sua passione, la sua storia e i suoi vini.

Ulteriori informazioni
I 50 migliori ristoranti del 2019

Nel corso di una cerimonia svoltasi martedì a Singapore, gli chef di tutto il mondo – ma soprattutto Europa e Americhe – si sono riuniti per sapere quali ristoranti sono stati nominati tra i 50 migliori al mondo nella rinomata 50’s World Best Restaurants. Leggi la lista completa.

Ulteriori informazioni
Apollo 11: cosa mangiavano gli astronauti nello spazio?

Il cibo a bordo dell'Apollo 11 rappresentava l'apice della tecnologia della fine degli anni '60, così come il modulo di atterraggio lunare o le tute spaziali indossate per le passeggiate lunari. A cinquant’anni dallo sbarco sulla Luna, scopriamo come i tubi di salsa di mele e stufato venivano abbandonati per pasti che potevano essere riscaldati dagli astronauti e consumati con vere e proprie posate d'argento.

Ulteriori informazioni
In Italia e nel mondo, lo Champagne è sempre di moda

Con quasi sette milioni e quattrocentomila bottiglie, l’Italia si conferma al quinto posto tra i paesi importatori. C’è una certezza nel mondo del vino, in Italia e nel mondo: lo Champagne non passa mai di moda.

Ulteriori informazioni
Lo Champagne tra arte e pubblicità

Ripercorriamo la storia dell’immaginario legato allo Champagne attraverso le immagini che lo hanno raccontato nel tempo, tra opere d’arte e poster pubblicitari.

Ulteriori informazioni
3 Vitigni autoctoni protagonisti del Rinascimento enologico della Campania

Campania felix, la chiamavano i Romani. Per la fertilità del clima, per la bellezza del paesaggio, per la mitezza del clima. E, ovviamente, anche per la piacevolezza della vita che un posto così favorito dagli dei permetteva di condurre. Non solo Tiberio, dunque, che di Capri fece il suo personale santuario, ma tantissimi patrizi romani elessero questa parte d’Italia a simbolo della loro dolce vita.

Ulteriori informazioni
I 10 migliori speakeasy a New York

Dagli interni che evocano l'era del Proibizionismo agli ingressi da cabine telefoniche nascoste, non perdetevi gli speakeasy più entusiasmanti della grande mela.

Ulteriori informazioni
Gualdo del Re, sotto il segno del vino

La Toscana, da sempre, è terra di storia, bellezze naturali e paesaggistiche, cultura, architettura e di vini, celebri in tutto il mondo. Qui, per la precisione a Suvereto, un piccolo comune medievale chiuso ad anfiteatro dai colli che dominano la parte centrale della Toscana, di fronte all’Isola d’Elba e a pochi chilometri dal mare ha casa, vitigno, cantina, ristorante e resort, arredato con garbo e semplicità, Gualdo del Re.

Ulteriori informazioni
5 profili food da seguire su Instagram

Buongiorno, è ora di dare da mangiare al tuo Instagram. Se il nostro account @megustamagazine non ti riempie più, allora non puoi evitare la nostra guida agli account dei buongustai più “innovativi” della socialsfera. Questi profili Instagram sono una ricetta completa. Dalla gastronomia spazzatura e slow-food a frutti brutti e verdure sexy… senza dimenticare le celebrities. Bon appetit!

Ulteriori informazioni
L’oliva Nocellara del Belice, eccellenza DOP che narra la Sicilia

La pregiata oliva DOP Nocellara del Belice nasce dalla perla di quel lembo di Sicilia occidentale dove tempi lenti, arte e natura incontaminata uniscono le forze per generare un prodotto di eccellenza, tanto da essere l'unico in Europa a meritare due DOP: “Nocellara del Belice” per l'oliva da tavola e “Valle del Belice” per l'olio.

Ulteriori informazioni
I primi 50 anni di Mr Chow

Quando nel febbraio 1968 Michael Chow accantonò il suo sogno di diventare un artista per aprire un ristorante – si era precedentemente formato in pittura alla Central St. Martins prima di lottare per dieci anni per costruirsi una carriera – non intendeva sacrificare neanche un po’ della sua passione artistica. Fin dall’inizio, il suo ristorante omonimo mirava ad abbagliare i commensali occidentali con la cucina cinese più raffinata, presentata in grande stile. Non si trattava semplicemente di “uscire a mangiare”. Era teatro.

Ulteriori informazioni
10 Formule per Polibibite Futuriste

I futuristi influenzarono non solo la pittura e la scultura, ma anche il design, l'abbigliamento, la musica e anche la gastronomia, tra cui i cocktail d'avanguardia che i futuristi chiamavano: Polibibite. Vi presentiamo 10 ricette tratte da “La Cucina Futurista” di Filippo Tommaso Marinetti per creare i vostri cocktail d’avanguardia.

Ulteriori informazioni
Torna il Testarossa La Versa: Prestigiose Bollicine, Trionfo di Pinot Nero

Ricominciare dal Top. Ossia da un prodotto che è simbolo non solo di una delle più importanti Cantine cooperativistiche italiane, ma di una intera regione vitivinicola, l’Oltrepò Pavese. Il nuovo Testarossa, cuvée top di gamma di Santa Maria La Versa Metodo Classico, ha tutte le carte in regola per rinverdire i fasti di un passato che sembrava tramontato per sempre.

Ulteriori informazioni
L’ostrica del Gargano punta a strappare alla Francia il primato nell'ostricoltura

La nuova eccellenza dell'ostricoltura Made in Italy è pronta per essere servita sulle tavole del mondo. Si tratta dell’ostrica di San Michele, prodotta nella riserva naturale del Parco Nazionale del Gargano (esattamente nella laguna di Varano), il cui nome omaggia l’Arcangelo protettore dello sperone italico.

Ulteriori informazioni
Uvalino, l'antico e raro vitigno salvato dall’estinzione

Mariuccia Borio di Cascina Castlèt, azienda agricola di Costigliole d’Asti, ha fatto della salvaguardia degli antichi vigneti autoctoni di uvalino la sua personale missione. Per salvare quei rari e salutari grappoli dalla forte impronta territoriale e dalle virtù farmacologiche uniche, il cui vino anticamente si riservava a malati, donne incinte o si regalava alle persone importanti per far bella figura, la signora Borio da quasi 30 anni finanzia la ricerca universitaria affinché l’antica coltivazione di Uvalino possa prosperare.

Ulteriori informazioni
3 tendenze della ristorazione che modificheranno il futuro dei ristoranti

La cucina contemporanea è molto più di tendenze transitorie e alcuni ristoranti in tutto il mondo (fortunatamente!) continuano a indagare le culture internazionali per spingere i confini del gusto sempre oltre. La gastronomia globale non si è mai sentita più forte, né le opzioni culinarie sono state più interessanti. Le ragioni sono varie e tra le tante se ne possono individuare tre principali la cui capillarità e rapidità di diffusione non può che far riflettere.

Ulteriori informazioni